Quantcast
Disfunzione erettile: cos'è e quali rimedi sono più efficaci | TrendingResults.com

Disfunzione erettile: cos'è e quali rimedi sono più efficaci

Category: Archivio
Tag: #Benessere #Disfunzione erettile #Malattie #Malattie del benessere Trattamenti per la disfunzione erettile
Share:

Cos'è la disfunzione erettile?

Innanzitutto, nel definire la disfunzione erettile, bisogna chiarire che non stiamo parlando di una malattia, ma spesso può essere un sintomo che rivela la presenza di una patologia fisica, come un'alterazione del sistema cardiovascolare, un disturbo endocrino- problema metabolico, una malattia neurologica o addirittura il diabete. L'incidenza aumenta con l'età, anche per il fatto che con l'avanzare dell'età anche questi problemi diventano più frequenti, infatti i più colpiti sono gli uomini tra i 50 ei 60 anni. Nello specifico, il soggetto può lamentare sia difficoltà ad ottenere un'erezione peniena sia difficoltà a mantenerla. Inoltre, segno che si tratta di un disturbo di origine organica è la scarsa frequenza delle erezioni mattutine spontanee, che normalmente si verificano per riossigenare il pene.

Qualunque sia la causa, l'impatto sulla persona è estremamente importante, poiché soffrire di questo disturbo provoca notevoli ripercussioni psicologiche, tra cui un abbassamento dell'autostima e la modifica dell'immagine di sé in senso negativo. Ci sono anche conseguenze sulla propria vita quotidiana, in vari ambiti, dal lavoro all'umore, ma anche sulla propria vita intima. È possibile che il soggetto metta in atto un comportamento di evitamento sessuale per evitare situazioni imbarazzanti e che, di conseguenza, il partner si senta rifiutato. È facile intuire come questo possa essere motivo sufficiente per creare tensioni significative a livello di coppia.

Rimedi per la disfunzione erettile

Vista dall'alto pov di un uomo adulto che prende pillole blu, messa a fuoco selettiva

I rimedi proposti dai medici per la disfunzione erettile sono numerosi, e la scelta dell'uno o dell'altro è determinata dalle caratteristiche del singolo caso.

La terapia farmacologica propone soluzioni, che però non sempre risolvono il problema, anche per il fatto che il paziente può essere costretto ad assumere farmaci per tutta la vita, soprattutto se è anziano o in concomitanza con una malattia neurologica o il diabete. I pazienti più giovani, invece, spesso traggono beneficio dall'accompagnare la terapia farmacologica con un decorso psicosessuologico, data la frequente origine psicogena del problema in questi casi.

In particolare, i farmaci più spesso prescritti sono gli inibitori della fosfodiesterasi, che permettono di ritrovare un'erezione fisiologica ai livelli che esistevano prima del disturbo. In pratica non si tratta di farmaci che provocano l'erezione, ma supportano un meccanismo già in essere, favorendo un processo naturale. Raramente questi farmaci non funzionano e ci sono anche alcuni pazienti che hanno controindicazioni che ne precludono l'assunzione, cioè casi di cardiopatie in cui si assumono farmaci per aumentare il lume delle coronarie. In queste circostanze devono essere prescritte farmacie alternative, che però provocano un'erezione più artificiale, che non si verifica in risposta alla stimolazione esterna del partner. Questi farmaci vengono introdotti per via intrauretrale o mediante iniezione intracavernosa.

Ma la droga non è l'unica soluzione possibile. Nei casi di estrema gravità, dove il paziente non è in grado di beneficiare di altri tipi di trattamento, si può ricorrere all'impianto di una protesi, ma questa è una soluzione molto poco considerata, poiché i pazienti di solito rispondono efficacemente alle terapie convenzionali.

Tuttavia, i pazienti con problemi vascolari, avendo minore efficacia nella risposta alla terapia farmacologica, possono ricorrere ad altri tipi di rimedi, come l'applicazione di onde d'urto a bassa energia, con l'obiettivo di migliorare la microcircolazione vascolare. Si tratta quindi di un trattamento che può essere molto utile nel contrastare la disfunzione erettile, applicato in particolari centri che si occupano di pazienti resistenti ai farmaci, o per i quali la terapia farmacologica di per sé non è la soluzione ottimale al problema. Tale trattamento deve essere comunque proposto da un andrologo in occasione di una visita specialistica, e viene effettuato settimanalmente per un massimo di sei trattamenti, senza che ne conseguano effetti collaterali. Anche i pazienti sottoposti a prostatectomia possono beneficiare delle onde d'urto, poiché nei primi mesi dopo l'intervento l'assenza di erezioni notturne può danneggiare i tessuti cavernosi a causa della ridotta ossigenazione. Dopo il trattamento, le erezioni spontanee si riprenderanno.

Infine, oltre a questi rimedi, non bisogna sottovalutare l'importanza che può avere una prevenzione efficace, che passa principalmente attraverso piccoli cambiamenti nello stile di vita. In molti casi, adottare sane abitudini in sostituzione di quelle scorrette è la migliore arma preventiva e porta a un recupero almeno parziale. In particolare, i fattori che potrebbero fare la differenza riguardano la perdita di abitudini come il fumo e l'alcool, e la sedentarietà. Un adeguato esercizio fisico praticato con costanza è infatti un ottimo modo per garantire la salute generale dell'organismo, insieme al dimagrimento ove necessario. Anche la dieta gioca un ruolo importante: va seguito un regime equilibrato, ricco di frutta e verdura. Soprattutto, è fondamentale ridurre il più possibile le fonti di stress.

Published: 12/30/2022From: Elisa

You may also like