Quantcast
Assicurazione sulla vita: proteggi tutto ciò che ti è caro | TrendingResults.com

Assicurazione sulla vita: proteggi tutto ciò che ti è caro

Category: Archivio
Tag: #Assicurazione #Assicurazione finanziaria vita personale #Finanza #Personale
Share:

Quando si parla di assicurazioni, assicurazioni sulla vita e gestione dei propri risparmi, molte persone sono spesso un po' scettiche, soprattutto a causa degli alti costi legati alle assicurazioni sulla vita ma anche perché, quando si decide di stipulare un'assicurazione sulla vita, si hanno molti dubbi sulla politica. Cercare in internet risposte ai nostri dubbi spesso ha l'effetto opposto: la quantità di informazioni disponibili e il linguaggio tecnico non aiutano e fanno nascere nuove domande.
In questo articolo rispondiamo ai dubbi più comuni, che corrispondono anche alle domande più importanti quando si decide di stipulare un'assicurazione sulla vita, in particolare l'assicurazione sulla vita in caso di morte.

Cos'è l'assicurazione sulla vita?

Alcune persone trovano difficile credere che stipulare un'assicurazione sulla vita sia una forma di risparmio e sicurezza per il futuro. Il funzionamento di una polizza vita è abbastanza semplice, trattandosi di una vera e propria polizza assicurativa stipulata tra un privato e una compagnia assicurativa. In questo caso ciò che è coperto dall'assicurazione è la vita dell'assicurato, proprio come nel caso dell'assicurazione auto dove la copertura è sull'auto.
L'assicurazione sulla vita è una garanzia per i familiari effettuata attraverso un investimento annuale, semestrale o mensile (più o meno oneroso), che funge da protezione in caso di infortunio. Le polizze vita servono a mantenere lo stile di vita familiare.
Sono particolarmente indicati per le famiglie monoreddito, quelle con figli piccoli o quelle con grossi debiti, come un mutuo, un prestito o un finanziamento. Le polizze vita sono adatte anche alle aziende per assicurare, ad esempio, una persona che ricopre un ruolo molto importante nel business.

Assicurazione sulla vita: come funziona?

Prima di stipulare un'assicurazione sulla vita, è necessario capire esattamente come funziona l'assicurazione sulla vita. Ci sono quattro attori in un contratto di assicurazione sulla vita:

L'assicurato , che stipula fisicamente il contratto e si impegna a pagare un premio (che rappresenta la remunerazione che l'impresa di assicurazione riceve per il rischio che assume stipulando il contratto). Può agire sia in nome proprio che per conto di altri.

L'assicurato è la persona a cui si riferisce il rischio, quindi è la persona da cui dipende l'esito del contratto di assicurazione sulla vita.

Il beneficiario che è la persona che riceverà la somma forfettaria o la rendita dalla compagnia assicurativa, se il rischio previsto si verifica secondo i termini del contratto.

L'impresa di assicurazioni è l'impresa che si assume il rischio di dover corrispondere una somma forfettaria nel caso in cui siano soddisfatte per l'assicurato le condizioni previste dal contratto.

È facile intuire come qualcuno possa stipulare un'assicurazione sulla propria vita o su quella di terzi: nel primo caso è evidente che contraente e assicurato costituiscono la stessa persona, mentre nel secondo caso , la legge prevede che l'assicurato sia informato dell'esistenza di un'assicurazione sulla sua vita (soprattutto se si tratta di morte) e che l'assicurato non debba beneficiarne economicamente alla scadenza del contratto.
Il beneficiario è solitamente determinato al momento della conclusione del contratto, ma può essere comunicato in un secondo momento o designato per testamento; per tale motivo i beneficiari delle polizze vita potrebbero non essere a conoscenza della polizza.

Quali tipi di polizze assicurative sulla vita sono disponibili?

Esistono molti tipi diversi di polizze assicurative sulla vita tra cui scegliere, ma le più comuni sono l'indennità in caso di morte, l'assicurazione sulla vita e la dotazione. Diamo un'occhiata alle caratteristiche di ciascuno di questi tipi di seguito.

Assicurazione sulla vita
Tra le più note nel settore e tra i risparmiatori, l'assicurazione che copre il caso morte è infatti la più stipulata e prevede il versamento del capitale alla morte dell'assicurato, a favore dei beneficiari inseriti nel contratto con la compagnia assicurativa .
Esistono polizze temporanee e a vita intera: le prime prevedono il pagamento di un capitale se il decesso dell'assicurato avviene mentre la polizza è ancora aperta e attiva, le seconde vengono erogate dopo il decesso dell'assicurato, indipendentemente dal momento in cui si verifica.

Assicurazione contro i rischi sulla vita
Questo tipo di polizza copre il “rischio vita”, cioè la possibilità di sostenere spese ingenti per cure sanitarie o altro, che potresti non essere in grado di gestire senza un solido capitale. I premi pagati, comprensivi degli interessi maturati durante la durata del contratto, vengono consegnati sotto forma di rendita, immediatamente oa partire da una data indicata nel contratto. Per molti versi, questo tipo di assicurazione assomiglia a un fondo pensione, che eroga il capitale e gli interessi sotto forma di rendita al raggiungimento dell'età pensionabile.

Assicurazione sulla vita mista
Come si evince dal nome, si tratta di una polizza che assicura una persona sia contro il rischio morte che contro il rischio vita, mettendo a disposizione dell'assicurato un capitale o una rendita, sia in caso di suo decesso che a partire da una data precisa con l'assicurato infatti ancora vivo. Il tutto sempre a favore dei beneficiari – come indicato in polizza.

Prima di acquistare queste polizze, però, è consigliabile prestare molta attenzione alle clausole presenti nei contratti, perché sono molte quelle che esonerano le compagnie dal pagamento dei risarcimenti.

A quali clausole prestare attenzione?

In generale, l'acquisto di prodotti contro il rischio di morte è negato agli anziani, cioè a chi ha più di 65 o 70 anni,
In ogni caso, si consiglia di consultare attentamente le note informative, perché la compagnia può rifiutare il risarcimento – ad esempio – se la morte dell'assicurato si verifica in determinate circostanze, ad esempio per suicidio o infortunio durante la pratica di sport estremi . Tutti i tipi di morte coperti dalla polizza dovrebbero quindi essere attentamente analizzati. Inoltre, il risarcimento non viene generalmente corrisposto agli eredi di coloro che perdono la vita in occupazioni rischiose, come i vigili del fuoco o il personale della protezione civile.
Le imprese, infine, possono ritenersi esonerate dal pagamento del premio anche se il decesso avviene a seguito di comportamenti negligenti, come la guida di un veicolo senza patente, o se l'incidente avviene a bordo di un aeromobile il cui pilota non è in possesso degli opportuni permessi e autorizzazioni.

Published: 12/30/2022From: Alessandro

You may also like