Quantcast
HIV e AIDS: tutto quello che c'è da sapere sulla malattia | TrendingResults.com

HIV e AIDS: tutto quello che c'è da sapere sulla malattia

Category: Archivio Blog
Tag: #più cercato
Share:

La storia della diffusione dell'AIDS su scala pandemica (o 'epidemia globale') viene solitamente fatta risalire al 1981, quando negli Stati Uniti fu riconosciuta una nuova malattia in pazienti: in realtà l'infezione esisteva da molti anni, ma era sempre stato scambiato per qualcos'altro. Questo articolo spiega le differenze tra HIV e AIDS. Le cause, i sintomi e le attuali opzioni terapeutiche, anche se non esiste un vaccino o una cura definitiva.

HIV e AIDS non sono la stessa cosa. Quali sono le differenze?

L'HIV (virus dell'immunodeficienza umana) è un virus che attacca e distrugge in particolare un tipo di globuli bianchi, i linfociti CD4, responsabili della risposta immunitaria dell'organismo. Il sistema immunitario è indebolito al punto da annullare la risposta contro altri virus, batteri, protozoi, funghi e tumori. L'infezione da HIV non ha una sua manifestazione specifica, ma si manifesta attraverso gli effetti che ha sul sistema immunitario. La presenza di anticorpi HIV nel sangue è indicata come sieropositività HIV. Anche con un'infezione da HIV, è possibile vivere per anni senza alcun sintomo e prendere coscienza dell'infezione solo quando si verifica una malattia opportunistica. Un test HIV è quindi l'unico modo per rilevare l'infezione.

L'AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita) è uno stadio clinico avanzato dell'infezione da HIV. È una sindrome che può manifestarsi nelle persone con HIV anche diversi anni dopo aver contratto l'infezione, quando le cellule CD4 del sistema immunitario diminuiscono drasticamente e l'organismo perde la capacità di combattere anche le infezioni più banali (infezioni/malattie opportunistiche). I progressi della ricerca scientifica e l'utilizzo della terapia antiretrovirale hanno permesso alle persone sieropositive di avere una buona qualità di vita, grazie anche al minore impatto sull'organismo e ai minori effetti collaterali. Le prove scientifiche suggeriscono che le prospettive di vita per coloro che ora scoprono di avere l'HIV e iniziano immediatamente il trattamento sono simili a quelle di coloro che non hanno l'HIV. La terapia che ha persistentemente mantenuto la carica virale (cioè la quantità di virus presente nel sangue/secrezioni) a livelli non misurabili per almeno 6 mesi annulla anche la possibilità di trasmettere il virus ad altri. In questo caso si parla di U=U Undetectable = Untrasmittable.

Come si verifica l'infezione da HIV?

L'HIV si trasmette attraverso il contatto diretto con fluidi corporei contenenti il virus o cellule infette dal virus (come sangue, sperma o secrezioni vaginali). L'HIV distrugge alcuni tipi di globuli bianchi, indebolendo le difese dell'organismo contro le infezioni e il cancro.

Quali sono le cause dell'AIDS?

L'HIV si trasmette in qualsiasi stadio della malattia attraverso rapporti sessuali non protetti, contatto con il sangue, trasmissione verticale tra madre e figlio durante la gravidanza, il parto e l'allattamento.

Quali sono i sintomi dell'AIDS?

In alcuni casi la semplice infezione da HIV rimane asintomatica, ma spesso compaiono sintomi tipici che passano inosservati perché molto simili a una banale influenza. I sintomi più comuni, che possono comparire già nelle prime settimane dopo l'infezione, sono i seguenti:
Febbre;
Senso di stanchezza;
Eruzioni cutanee;
Mal di testa.


Questi sintomi, spesso trascurati e non attribuiti ad una malattia grave, tendono a scomparire da soli nel giro di pochi giorni, dopodiché non si manifestano altri disagi. Una persona sieropositiva può continuare a vivere la sua vita senza problemi, almeno fino a quando l'infezione non inizia a degenerare in AIDS. Il virus potrebbe infatti continuare a proliferare, attaccando gradualmente il sistema immunitario. Altri sintomi specifici possono comparire, anche anni dopo:
linfonodi ingrossati;
Sudorazioni notturne;
Altre infezioni.

Come abbiamo detto, i sintomi dell'AIDS sono strettamente legati all'immunodeficienza: il sistema immunitario viene distrutto dal virus dell'HIV e quindi non è più in grado di far fronte anche a una banale infezione. In una persona che ha contratto il virus, i sintomi dell'AIDS possono comparire anche anni dopo, ma sono piuttosto evidenti:

Febbre;
Perdita di peso;
Senso di stanchezza;
Sudorazioni notturne;
linfonodi ingrossati;
Diarrea persistente;
Polmonite;
tremori;
Infezioni di vario genere.

In una persona malata di AIDS il sistema immunitario non funziona più, motivo per cui, oltre ai sintomi appena elencati, si verificano malattie e infezioni di vario genere. Un malato di AIDS è debole e rischia di ammalarsi gravemente per qualsiasi cosa.

Come prevenire l'AIDS?

L'unica prevenzione dall'infezione è evitare comportamenti che potrebbero esporvi al rischio di infezione. Il preservativo deve essere indossato durante i rapporti sessuali.

Diagnosi

La diagnosi di infezione da HIV può essere fatta a seguito di un esame del sangue (test ELISA) che rileva la presenza di anticorpi virus-specifici. Un test ELISA positivo deve sempre essere confermato da un test aggiuntivo (test Western Blot). Nei primi mesi dopo una possibile esposizione, il virus potrebbe non essere ancora rilevabile nel test; questo è il cosiddetto 'periodo finestra', durante il quale si è già infetti e contagiosi, ma non si è ancora verificata la sieroconversione. Ora sono disponibili i primi test per determinare la positività all'infezione da HIV (test dell'antigene p24, test combinati). Il test è di facile esecuzione, consiste in un prelievo di sangue, e per legge viene effettuato in modo completamente anonimo.

Trattamenti

Attualmente non esiste una cura per l'eradicazione dell'infezione da HIV. Il trattamento dell'infezione da HIV consiste nel controllare il virus attraverso una combinazione di farmaci che blocca la replicazione del virus, riducendo la carica virale e di conseguenza distruggendo il sistema immunitario. A causa della forte tendenza dell'HIV a mutare, è necessario non solo trovare nuovi farmaci, ma anche somministrare più farmaci antiretrovirali contemporaneamente (terapia combinata). Questo ha lo scopo di ridurre al minimo o ritardare l'emergenza di ceppi virali resistenti ai farmaci antiretrovirali. Sono attualmente in fase di sperimentazione nuove classi di farmaci mirati a stimolare e sostenere il sistema immunitario, piuttosto che avere un'azione antivirale diretta. Oltre ai farmaci, da diversi anni sono in corso studi per mettere a punto un vaccino che possa prevenire l'infezione tra le persone sieronegative, o migliorare il decorso della malattia in quelle già infette.

Published: 12/30/2022From: Redazione

You may also like